MATTEO  SALVATORE

Un uomo assolutamente fuori dal comune. Cantautore famoso, ha vissuto una giovinezza di miseria e di analfabetismo, riscattandosi poi con la dolcezza della sua chitarra e la forza poetica delle sue parole. Un riscatto accompagnato da mille straordinarie follie, poiché Matteo Salvatore è uomo che sfugge ad ogni regola ed a ogni legge, arguto e imprevedibile come ogni lazzarone, geniale e sregolato come un vero artista, ruffiano e incantatore come ogni uomo destinato al successo.

Nella sua autobiografia*, ci racconta finalmente le sue tragicomiche avventure. Matteo Salvatore nato nel 1925 ad Apricena, paese di confine tra Gargano e Tavoliere, non ricorre esplicitamente ad alcuna tradizione: inventa un nuovo stile, staccandosi da qualunque passato e anticipando la generazione di grandi cantautori Italiani che riconoscono nel cantastorie pugliese il loro maestro. 

Egli trova parole di struggente poesia e suona, anzi arpeggia, la chitarra divinamente, componendo stupende melodie, arte imparata da bambino da un mitico ultracentenario musicista cieco: un'arte, dunque, che gli arriva direttamente dall'Ottocento. 

Italo Calvino ha detto che le parole di Matteo Salvatore noi le dobbiamo ancora inventare. La poesia di Matteo non è solo moto dell'animo, ma, pur nella non conoscenza delle regole, è anche sapiente e raffinata capacità di piegare la sua lingua alle necessità del verseggiare, con genio passione ed ironia.

Raffaele Vescera

* Matteo Salvatore

La luna aggira il mondo e voi dormite

autobiografia raccontata ad Angelo Cavallo

editore Stampa Alternativa

pp.112 con cd contenente 12 ballate inedite

 

Per sapene di più clicca qui